NATURALITER

vai a cuccia vai a cuccia vai all'arca vai ai consigli vai alla gallery vai al forum
 
i consigli i consigli:
Partecipate anche tu a questa rubrica di NATURALITER con domande e suggerimenti scrivendo a:
info@naturaliter.it
Le risposte del veterinario alle vostre domande e suggerimenti verranno pubblicate in questa sezione.

 
 
Subject:
Crosticina sul coniglietto.
9 dicembre 99

Ho un coniglietto nano nero testa di leone, vispissimo e con un bel pelo. Subito dopo l'acquisto per˛ mi sono accorta che aveva una crosticina rotonda sulla zampina sinistra, vicino all'unghia. L'ho subito portato al negozio dove me l'hanno trattenuta pensando potesse trattarsi di rogna, in attesa dell'arrivo del veterinario di fiducia. Questi dopo qualche giorno l'ha visitata e mi ha rassicurato dicendomi che si trattava solo di una crosticina che probabilmente si Ŕ fatta lui "beccandosi" con il suo compagno di gabbia quando ancora era al negozio. Mi ha dato una crema da applicargli (gentalin beta) per 6 giorni, ma ho dovuto sospendere l'applicazione perchŔ il coniglio si leccava la pomata. Adesso, dopo una settimana dall'acquisto la crosticina Ŕ ancora lý e io mi sto preoccupando. Premetto che il veterinario l'ha guardato in modo accurato su tutto il corpo, senza trovare nessuna altra lesione, ma io non sono sicura visto che la crosticina dovrebbe essersi riassorbita, essendo passata giÓ una settimana, soprattutto perchŔ temo che possa contagiare me o i miei familiari.

Grazie per i consigli.
ANNA

 
 
Risponde:
Dott. Massimo Millefanti
Medico Veterinario

Gentile Anna, credo sia utile riportare il suo coniglio "testa di leone" nuovamente dal veterinario per un controllo. Un esame citologico della lesione dovrebbe permettere l'emissione di una diagnosi certa. Il collega potrebbe avvalersi anche di altri esami (micologico e controllo microscopico di uno scarificato cutaneo per escludere la presenza di acari). Tutte queste metodiche diagnostiche non saranno assolutamente pericolose e o dolorose per il suo simpatico e peloso amico.

Cordiali saluti
Dott. Massimo Millefanti