CANI&GATTI

vai a cuccia vai a cuccia vai all'arca vai ai consigli vai alla gallery vai al forum
 
i consigli i consigli:
Partecipa anche tu a questa rubrica di Cani, Gatti & c. con domande e suggerimenti scrivendo a:
gbrera@tin.it
Le risposte del veterinario alle vostre domande e suggerimenti verranno pubblicate in questa sezione.

 
 
Subject:
Terapia della filariosi.
22 agosto 2001

Egr. Dottore, le scrivo per avere il suo consiglio riguardo il problema filaria.
Circa 15 giorni fa ho adottatao una cagnetta che ho trovato abbandonata sulla riva di un fiume. Era denutrita, affamata e piuttosto deperita.
L'ho subito portata dal mio veterinario che, purtroppo, ha riscontrato la presenza della filaria. La cagnetta dovrebbe avere circa 8 anni, attualmente sta riprendendo peso e vitalitÓ. Non presenta ancora sintomi, nemmeno ascoltando il cuore con lo stetoscopio, per˛, dall'esame ecografico effettuato, il cuore risulta mediamente compromesso. Questo Ŕ l'esito dell'ecografia: "cuore: dilatazione del ventricolo dx con setto paradosso e sistoli visibili della parete libera del ventricolo di dx. ventricolo di sx nella norma, atrio dx esx nella norma. Radice dell'arteria polmonare dilatata."
Secondo lei Ŕ opportuno procedere alla terapia macrofilaricida? Che possibilitÓ avrebbe la cagnetta di sopravvivere a tale terapia?
Se, invece, non si effettua questa terapia quanto pu˛ vivere ancora, aiutandola con opprtune terapie di sostegno?

grazie
Roberta

 
 
Risponde:
Dott. Laura Cutullo
Medico Veterinario

Gentilissima Roberta, la terapia per la filariosi Ŕ necessaria e penso che la sua cagnetta sia perfettamente in grado di effettuarla senza troppi rischi (naturalmente deve seguire alla lettera le indicazioni del suo veterinario). E questo proprio perchŔ attualmente non ha sintomi, il che significa che non ci sono ancora significative compromissioni organiche: il suo cuore Ŕ ancora forte e il fisico , che comunque andrÓ ben sostenuto, ancora in un buono stato.
Lasciandola invece proseguire nel suo percorso patologico non farÓ che peggiorare andando gradatamente verso una compromissione totale.
Il mio consiglio Ŕ quindi di effettuare la terapia al pi¨ presto e dare alla canina il giusto sostegno generale.

Cordiali saluti
Dott. Laura Cutullo